Covid: virus letale per un paziente oncologico su tre

31 Lug 2020

Roma, 31 luglio 2020 – Covid-19 può determinare la morte di un paziente con tumore su tre e l rischio raddoppia negli uomini, oltre ad aumentare con l’età. E’ quanto rivela uno studio appena pubblicato su Cancer Discovery, la rivista ufficiale della Associazione Americana per la Ricerca sul Cancro (AACR). La ricerca coordinata dall’Università del Piemonte Orientale a Novara, fornisce per la prima volta al mondo un’analisi accurata della storia di quasi 900 pazienti oncologici ricoverati per infezione da Coronavirus in 19 centri italiani, inglesi, spagnoli e tedeschi. Il primo dato che emerge è che a rischiare maggiormente sono i pazienti maschi: la mortalità è infatti del 41% contro il 26% delle donne. La notizia positiva è però che un intervento tempestivo con le terapie anti-Covid con antivirali, antimalarici o tocilizumab, si associa a una riduzione del 60% della mortalità, indipendentemente da tutti gli altri fattori di rischio. “L’infezione comporta il decesso nel 33% dei pazienti con tumore, con differenze significative fra i Paesi: nel Regno Unito sale al 44% rispetto al 33% dell’Italia”, spiega Alessandra Gennari, professore associato di oncologia al Dipartimento di Medicina Traslazionale dell’Università del Piemonte Orientale a Novara. “Essere sottoposti alle terapie antitumorali non incide sulla mortalità da Covid-19” mentre ci sono “differenze sostanziali legate alle caratteristiche del malato”.

FONTE: AACR