Farmaci: aumentano le carenze negli ospedali in di tutta Europa

12 Nov 2019

Roma, 12 novembre 2019 – Il problema della carenza dei farmaci in Europa non si arresta. Anzi il fenomeno è in crescita. Il 91,8% dei farmacisti ospedalieri intervistati nel 2018 ha riferito che si trattava di una situazione attuale rispetto all’86,2% nel 2014. E, per aggiornare i dati, è appena partita la più ampia indagine in materia, promossa dall’Associazione europea dei farmacisti ospedalieri (Eahp). L’Eahp ha condotto numerosi sondaggi sulla carenza dei farmaci nel corso degli ultimi 10 anni, contribuendo a puntare l’attenzione sul tema. Gli agenti antimicrobici, i farmaci preventivi e oncologici sono stati segnalati come i tre farmaci più comuni in carenza. Tra i nodi evidenziati, la mancanza di una comunicazione affidabile che elenchi i motivi, la durata stimata e altri consigli a farmacisti, medici e pazienti. Ma anche la mancanza di una strategia di comunicazione globale, che veda protagonisti i governi nazionali e la Commissione europea. “I farmacisti ospedalieri – scrive l’associazione in una nota – svolgono un ruolo chiave nella gestione della carenza di medicinali all’interno degli ospedali, ma non sono gli unici soggetti interessati. Motivo per cui Eahp ha invitato anche gli operatori sanitari che lavorano in ospedale e i pazienti che hanno subito il problema durante il loro ricovero, a fornire il proprio contributo su come le carenze di medicinali li stiano colpendo”.

FONTE: EAHP