Fumo: vizio quotidiano per oltre il 10% degli adolescenti

11 Feb 2020

Roma, 11 febbraio 2020 – Il tabagismo è un vizio ancora troppo diffuso nel nostro Paese. I fumatori rappresentano il 23% dell’intera popolazione e la metà di loro ha iniziato a 14 anni. Tra i giovani di età compresa tra 14 e 17, l’11% fuma abitualmente, il 13% in modo occasionale e il 20% ha provato. In totale, entro i 17 anni quindi il 45% dei teenager è entrato in contatto col tabagismo. Il fumo è un pericolo fattore di rischio che aumenta le possibilità d’insorgenza di molte gravi malattie come cancro, ipertensione, diabete, patologie respiratorie e cardiovascolari. Il 30% dei tumori è legato al fumo di sigaretta. “Le sostanze cancerogene contenute nelle sigarette sono le responsabili di nove neoplasie al polmone su dieci – ricorda il prof. Francesco Cognetti, Presidente della Fondazione Insieme contro il Cancro -. Sono inoltre a rischio moltissime altre parti del corpo, tra cui: cavo orale, faringe, laringe, esofago, pancreas, cervice uterina, vie urinarie e reni. Negli Stati Uniti, dove si è attuata una lotta sistematica a questo vizio sin dagli anni ‘70, si è registrata poi una drastica riduzione sia del numero di nuovi casi che del numero di morti per cancro. Chi fuma deve smettere il prima possibile, ogni settimana passata con la sigaretta in bocca equivale a un giorno di vita perso”.

FONTE: ICC