Sileri: “Sistema pronto, prevediamo un passaggio lento del virus”

13 Ago 2020

Roma, 13 agosto 2020 -“Il sistema è pronto, ci sono tre scenari a seconda di come il virus passerà: noi ci aspettiamo un passaggio lento del virus. Avremo dei positivi, che non necessariamente saranno malati, visto anche che l’età media di chi si infetta è molto più bassa di quella di due mesi fa. I tre scenari rappresentano il modo in cui potrà essere messo sotto pressione il servizio sanitario nazionale in termini di occupazione di posti letto”. Lo ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri parlando del dossier del Ministero della Salute sui possibili sviluppi della fase tre. “Oggi c’è un focolaio, domani potremmo averne un altro, l’importante sarà controllare quel focolaio e trasformare l’emergenza sanitaria in urgenze locali, intervenendo in tempi così rapidi da non far ripartire un’epidemia come è accaduto a febbraio-marzo”, ha detto Sileri. Alle tre regole ricordate ieri in Parlamento dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, ovvero l’uso della mascherina, la distanza e l’igiene, “ne aggiungo una quarta che secondo me è altrettanto importante: se qualcuno ha dei sintomi, il raffreddore o qualunque sintomo riferibile alla sindrome influenzale, che sono anche quelli del coronavirus, deve rimanere a casa e chiamare il medico di medicina generale”. “Lo abbiamo fatto tutti – ha aggiunto – anche io, di andare al lavoro con 37.5 di febbre, oggi non possiamo più permettercelo. Se hai dei sintomi – è stato l’appello del viceministro – rimani a casa, perché potrebbe essere coronavirus: questa è la quarta regola. Le regole sono quattro, semplici e senza colore politico. Usiamole alla bisogna”.