Tumori: in USA giù la mortalità ma malati sempre più giovani

19 Gen 2024

19, gennaio 2024 – La mortalità per cancro negli Stati Uniti continua a calare. Allo stesso tempo, però, aumentano i nuovi casi che, nel 2024, si prevede supereranno per la prima volta i due milioni. Intanto si abbassa l’età media alla diagnosi con i casi nella fascia di età tra i 50 e i 64 passati dal 25% del 1995 al 30% del 2020. Sono questi i punti principali che identifica il rapporto annuale dell’American Cancer Society.

Il rapporto conferma che negli ultimi 30 anni, il rischio di morire di cancro in Usa è costantemente diminuito e circa 4 milioni di vite sono state salvate grazie a questi progressi. Ciononostante, nel 2024 sono previsti 611 mila decessi, 1.600 al giorno. “Siamo incoraggiati dal costante calo della mortalità per cancro dovuto alla riduzione del fumo, alla diagnosi precoce di alcuni tumori e al miglioramento delle cure”, ha affermato la principale autrice del rapporto Rebecca Siegel. “Tuttavia, come nazione, abbiamo abbandonato la prevenzione del cancro e l’incidenza continua ad aumentare per molti tumori comuni”. Determinante per l’aumento dell’incidenza, anche l’invecchiamento della popolazione.

Alcuni tumori, inoltre, stanno cambiando faccia. È il caso del colon retto, che sta diventando sempre più diffuso negli under 50. “Il cancro del colon-retto è passato dall’essere la quarta causa di morte per cancro sia negli uomini sia nelle donne più giovani vent’anni fa, alla prima negli uomini e alla seconda nelle donne”, si legge in una nota dell’American Cancer Society. “Il cancro al seno è invece la prima causa nelle donne sotto i 50 anni con 2.251 decessi nel 2021”. Tra le tendenze fotografate dal rapporto, anche la brusca riduzione del tumore della cervice uterina nelle giovani donne tra i 20 e 30 anni, le prime ad aver ricevuto il vaccino contro il Papillomavirus. Dopo anni di aumento, sembra essersi invece stabilizzata l’incidenza dei tumori nei bambini più piccoli, mentre prosegue la crescita negli adolescenti.